Commemorazione strage di Capaci, liceo classico De Castro venerdì 20 maggio

Inviato da Tilocca Peppino il

     Venerdì 20 maggio il presidio di Libera dell’istituto De Castro commemorerà il trentennale della strage di Capaci, nella quale furono uccisi il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo..

     La scuola ricorderà il fatto alla presenza di un testimone importante; interverrà alla manifestazione Vincenzo Agostino, padre dell’agente di polizia Nino Agostino ucciso insieme alla moglie Ida Castelluccio in un agguato mafioso il 5 agosto 1989.

Nino  Agostino fu uno stretto collaboratore di Giovanni Falcone, impegnato nella cattura dei latitanti mafiosi e contribuì a sventare l’attentato al giudice messo in atto il 21 giugno del 1989 .

Al funerale dell’agente Agostino e della moglie Giovanni Falcone confidò di dover loro la vita.

     Vincenzo Agostino, insieme alla moglie Augusta, recentemente scomparsa, da oltre 30 anni chiede verità e giustizia senza averla ancora ottenuta e la sua figura è diventata un esempio di straordinario rilievo per tutti i cittadini impegnati nella promozione dei valori di giustizia e legalità.

     La nostra scuola è da tempo impegnata nelle attività di educazione alla cittadinanza e recentemente è stata destinataria dell’albero di Falcone, un esemplare di magnolia gemmato dall’albero cresciuto di fronte alla casa del giudice e diventato nel tempo uno dei simboli delle lotte antimafia.

     La gemma è stata consegnata all’istituto lo scorso 2 aprile dal nucleo biodiversità dei carabinieri e al termine del periodo di accrescimento sarà messa a dimora nel cortile della scuola.

     Con la manifestazione del 20 maggio il De Castro confermare il suo impegno educativo per lo sviluppo di una idea di cittadinanza partecipata e attiva.

 

Allegati: